fbpx

TATRA e PIENINY National Parks

DISTANZA

41,3 KM

DIFFICOLTA’ (1-10)

6

GIORNI

3

DISLIVELLO

1350 Mt

% UNPAVED

84%

HIGH POINT

1818m

Attraverso due parchi di confine nazionali caratterizzati da immensa biodiversità, cultura e gastronomia locale. I due parchi nazionali polacchi, il Tatrzanski e il Pieniny, si trovano nell’estremo sud della Polonia al confine con la Slovacchia.

Il Parco Nazionale Tatra si trova nella Polonia meridionale, nella provincia di Małopolska, e confina con il Parco Nazionale Tatra slovacco. Entrambe queste aree uniche sono state classificate come riserve della biosfera dall’UNESCO nel 1993. Il Parco ha il suo quartier generale nella città di Zakopane, una caratteristica località turistica di montagna.

Il Parco Nazionale copre una delle due catene montuose alpine in Polonia. La gamma polacca dei Tatra, che fa parte dei Carpazi occidentali, è divisa in due sezioni: gli Alti Tatra (Tatry Wysokie) e i Tatra Occidentali (Tatry Zachodnie). Il paesaggio è costituito da cime e cavità dai bordi affilati con numerose formazioni rocciose. La vetta più alta della Polonia, Rysy (2.499 metri), si trova qui.

Esistono diversi corsi d’acqua, il flusso più lungo raggiunge i 20 chilometri. Le cascate, come Wodogrzmoty Mickiewicza, sono famose tra i turisti. La cascata più alta è Wielka Siklawa a 70 metri. Il parco ha oltre 30 laghi di montagna, chiamati staw. Questi corpi idrici sono una parte importante del paesaggio dell’Alto Tatra. I laghi più grandi sono Morskie Oko e Wielki Staw.

Ci sono anche circa 650 grotte nel parco, di cui il sistema di grotte Wielka Sniezna è il più lungo (18 chilometri) e il più profondo (profondità massima 814 metri). Sei grotte di questo sistema sono aperte al pubblico.

Il clima dei Tatra, e quindi la loro vegetazione, è caratterizzato da una serie di piani. Il piano più basso, ovvero il primo piano, è coperto da boschi di abeti rossi, faggi e abeti. Il regiel superiore è quasi esclusivamente di abete rosso, raramente solo reliquie di abeti rossi. Il pino mugo (1550-1800 m) è ricoperto da vegetazione arbustiva con una predominanza di pino mugo. Il pavimento delle sale è costituito da praterie di alta montagna con una ricca vegetazione alpina. Qui puoi incontrare molte specie di amarezza, garofano glaciale, pasque alpino. Non ci sono molte piante sul pavimento della rapa, anche se alcune sono fortemente attaccate a questo pavimento d’alta quota, ad esempio il tarabuso trasparente e il ranuncolo di glassa.

Dai mammiferi Tatra vale la pena menzionare il camoscio e la marmotta (che produceva sottospecie nei Tatra: marmotta Tatra e Tatra) e nelle parti inferiori del cervo, uova di capriolo, lince e donnola comune e orso bruno. Tra gli uccelli, regna l’aquila reale, la caratteristica è anche un assassino, che nidifica nelle parti più alte delle montagne. Può essere riconosciuto da ali rosse e insolite capacità di arrampicata.

Itinerario all’interno del parco Tatra partendo da Palenica Białczańska per arrivare al meraviglioso lago Morskie Oko, risalendo la spettacolare valle di Pieciu Stawow.

I panorami più spettacolari e il vero scenario alpino e montuoso sono disponibili per coloro che decidono di percorrere il sentiero per Dolina Pięciu Stawów (La valle dei cinque laghi) e oltre. Nessuna folla (paragonabile al traffico cittadino sulla strada per Morskie Oko), natura incontaminata, paesaggi meravigliosi e aria più fresca. È anche possibile raggiungere la stessa valle di Morskie Oko attraverso la valle dei cinque laghi. Questo percorso è entrambi: molto meglio del normale, asfaltato, sentiero per Morskie Oko e anche abbastanza facile da seguire.

L’itinerario è a forma di anello, quindi non è necessario percorrere lo stesso percorso. L’itinerario inizia al parcheggio di Palenica Bialczanska. Da qui, sfortunatamente, devi percorrere un tratto di strada asfaltata che porta direttamente al famoso lago Morskie Oko. La strada è molto frequentata dai turisti ed è anche coperta da carri pieni di persone, quindi fai attenzione. Dopo circa 40 minuti raggiungerai una piccola cascata, Wodogrzmoty Mickiwicza, da dove inizia il sentiero verde, che ti porterà su tutta la valle di Pieciu Stawow. Dopo un’altra ora arriverai a un piccolo incrocio e potrai scegliere tra svoltare a sinistra e seguire il sentiero nero o rimanere sullo stesso sentiero verde. Non importa quale camminate, entrambi portano a Dolina Pięciu Stawów. La pista nera è più breve e più facile ma consiglierei di rimanere con quella verde. Vedrai splendide viste sulla vicina vetta Orla Perć e avrai la possibilità di ammirare la cascata di Siklawa.

Continuando sul sentiero verde, oltre le cascate, arriverete al lago Wielki Staw. Qui ci sono altri due laghi, il Czarny Staw e il Przedni Staw, circondati da una vegetazione di pini montani nani che rendono l’ambiente molto suggestivo. Un rifugio si trova anche qui, dove è possibile soggiornare anche per la notte. Continuando la nostra passeggiata prendiamo il sentiero blu che ci porterà direttamente a Morskie Oko. La discesa verso il lago offre una vista mozzafiato e, se sei fortunato con il bel tempo, in linea retta con il lago vedrai il Monte Risy (2499 m). Una volta al lago consigliamo una bella sosta perché il posto merita molto. Il ritorno è sulla strada asfaltata di cui sopra, ma nella prima parte ci sono scorciatoie che tagliano i tornanti. Il percorso non è imoegnativo ma ti consigliamo di avere l’abbigliamento adeguato, in particolare le scarpe, perché il tempo sui Tatra può cambiare rapidamente. Il parcheggio di Palenica Bialczanska è raggiungibile in auto o navette da Zakopane.

Il Parco Nazionale Pieniny offre una delle migliori esperienze di rafting in Europa, oltre a ripide montagne da scalare e castelli medievali da visitare.

Il parco nazionale più visitato della Polonia, Pieniny si trova nella parte meridionale della provincia di Małopolska, al confine con la Slovacchia, a poche decine di chilometri dal Parco Nazionale Tatra. Le principali attrazioni del Parco sono i massicci rocciosi frastagliati e la gola del fiume Dunajec, una delle più pittoresche d’Europa.

Pieniny è una piccola catena montuosa composta da rocce calcaree, che offre paesaggi veramente alpini. Le vette più frequentemente visitate includono le spettacolari Tre Corone (982 metri) che sovrastano il fiume Dunajec e Sokolica (747 metri), entrambi con ponti di osservazione turistica.

La gola del fiume Dunajec è di gran lunga la più grande attrazione turistica che il Parco Nazionale di Pieniny ha da offrire. Il fiume Dunajec scorre attraverso un canale tortuoso con scogliere alte oltre 300 metri. Gite di rafting in canoe di legno, che durano dalle due alle tre ore, sono state organizzate nel Parco Nazionale di Pieniny dalla prima metà del 19 ° secolo fino ad oggi. Il viaggio può anche essere fatto a piedi lungo il sentiero Pieniny, quasi interamente sul versante slovacco del Dunajec.

Anche se il Parco è di piccole dimensioni, nella sua area prosperano centinaia di specie di piante, tra cui 640 tipi di funghi. A volte, sulla stessa roccia, crescono piante con mezzi opposti di sopravvivenza. I prati del parco, che sono il risultato dell’attività umana, sono alcuni degli ecosistemi vegetali più ricchi della Polonia (da 30 a 40 specie di fiori per ogni metro quadrato).

Finora circa 6500 specie animali hanno dimostrato di vivere nel Pieniny. Si presume che l’area sia ancora più abbondante, con un massimo di 15000 specie. Ci sono numerosi uccelli, pesci, rettili e anfibi e mammiferi. Il predatore più importante è la lince. Sulle rive del Dunajec la lontra prospera.

Itinerario all’interno del Parco nazionale di Pieniny, partendo da Sromowce Niżne, in Polonia, e arrivando alla cima di Biała Skała, attraversando la Slovacchia, ripercorrendo il corso del fiume Dunajec, con il suo spettacolare cayon.

Parte da Sromowce Niżne e arriva immediatamente in Slovacchia, a Červený Kláštor, attraversando un ponte sul fiume Dunajec, costruito dall’Unione Europea. Dopo di che prendi il sentiero leggermente in salita che nella parte finale, prima di tornare al fiume, ci regalerà una vista mozzafiato sul Cayon. Raggiunti gli argini del fiume si sale fino alle pendici del monte Bia skala. Una volta raggiunta la cima godrete di una bellissima vista del parco. Ora attraversi il cayon, che è il confine tra i due stati, fino ad arrivare direttamente al punto di partenza. L’Itenario entra e lascia i due paesi vicini dando un’esperienza di frontiera.

  • Entrambe le escursioni sono semplici e non richiedono abilità particolari.
  • Tuttavia, si consiglia di utilizzare abbigliamento da esterno con stivali e non scarpe da ginnastica.
  • Il tempo può cambiare improvvisamente, quindi procurati indumenti impermeabili.
  • Per quanto riguarda i pernottamenti, consigliamo di affittare una casa, almeno se non si desidera dormire in un rifugio.
  • Per il Parco Nazionale dei Tatra consigliamo di affittare la casa a Zakopane, una bellissima città di montagna ricca di attività e ristoranti dove si possono gustare piatti locali.
  • Invece per il parco nazionale pieniny consigliamo di soggiornare a Cerveny Klastor o a Lesnica.
  • Se prenoti in anticipo, i prezzi sono molto bassi.
  • La regione offre una vasta selezione di piatti tipici, dal formaggio alla carne, senza dimenticare la vodka.
  • Consigliamo vivamente di provare il tipico formaggio di montagna affumicato Oscypek accompagnato da una gustosa salsiccia chiamata kielbasa, anch’essa affumicata.
  • Come piatto principale puoi assaggiare il flaki, la trippa e i bigos, la carne con il cavolo, e poi raggiungere i famosi pierogi, una specie di ravioli e il placek po goralsku.