fbpx

SARDEGNA COAST TO COAST

DISTANZA

180KM

DIFFICOLTA’ (1-10)

7

GIORNI

8

DISLIVELLO

4,374KM

% UNPAVED

76%

HIGH POINT

1830m

Da Ogliastra alla penisola del Sinis, da Cala di Luna a Capo Mannu lungo il 40 ° parallelo: il modo migliore per entrare in contatto con natura e persone straordinarie. Alla fine della lunga passeggiata ti rendi conto di non aver attraversato un’isola ma una civiltà.

Un’isola con il famigerato entroterra, la fama di una bellezza selvaggia, il fascino discreto dei costumi millenari. Quei pastori che vorremmo conoscere meglio e di cui la stampa non ha mai parlato troppo bene. Il misterioso Supramonte …

Ma vogliamo davvero conoscerti, questa Sardegna? Se la risposta è sì, allora non dobbiamo lasciarci ingannare dalla tentazione di una costa affascinante e dalle spiagge attrezzate. Dobbiamo lasciare l’auto, Via Fiano Via tra insuperabile tra noi e la terra, e ricorrere alla massima possibilità di incontro e dialogo offerta dal movimento dei piedi, seguendo il ritmo delle persone che vivono nelle montagne. Ecco perché ho attraversato l’isola solo con il mio zaino, tagliandolo da un mare all’altro. Volevo ottenere l’immagine nella sezione di un mondo sconosciuto, abbandonarmi per una dozzina di giorni a una realtà molto diversa, cercando di trovare l’aspetto puro e semplice.

Tra quelle montagne ho incontrato persone con un grande desiderio di parlare e stare insieme, scoprendo una capacità di comunicazione troppo spesso negata agli abitanti riservati dell’isola. E poi la meraviglia della notte sarda, il colore del cielo estivo illuminato dalla luna e dalle stelle, attraversato ad agosto dai meteoriti. Se lo desideri, puoi montare la tenda ma perderai gran parte del contatto con la natura che ti piace attraversare. Per secoli i pastori hanno dormito a cielo aperto all’interno di un su saccu, il loro sacco di lana, ancora oggi realizzato a mano a Desulo, un paese del Gennargentu dove le persone indossano costumi tradizionali nella loro vita quotidiana. Quindi la Sardegna da una costa all’altra, seguendo lungo il 40 ° parallelo, un percorso difficile da definire a causa della morfologia di quest’isola davanti a vere catene montuose.

Ho attraversato prima la regione costiera dell’Ogliastra. L’ambiente calcareo e il torrido clima estivo consentono solo lo sviluppo della vegetazione dominata da ulivi, ginepri, cisti e lentischi e dall’infinita varietà di specie tipiche della macchia mediterranea. Dopo le montagne dell’Ogliastra inizia la Barbagia: man mano che ci si avvicina al gruppo montuoso centrale del Gennarrgentu il terreno diventa scisto e il paesaggio arrotondato è secco e uniforme per il pascolo. Il Gennargentu appare quindi in tutta la sua uniformità di massiccio quasi senza picchi: un pezzo di appennino traslocato, che anche a distanza appare monotono, ” calvo ” com’è della vegetazione.

Questa è l’aria dove una volta la più numerosa fauna sarda oggi tra i mammiferi ungulati troviamo solo un il muflone e ​​il cinghiale, che è molto comune. Poi arrivano il gatto selvatico, la volpe, la martora, la donnola e il ghiro. Il cervo e il daino invece si estinsero. All’interno dell’avifauna particolari rapaci assumono gli avvoltoi: gli avvoltoi, tra cui il maestoso grifone, il falco pellegrino, l’astore, l’aquila di Bonelli e l’aquila reale. Scesi dalle pendici occidentali del massiccio del Gennargentu, entrai nella zona dei grandi boschi di povere di castagni e lecci e nella periferia di Barbagia Belvì e Mandrolisai.

Il clima più mite gode della benefica influenza dei venti che trasportano l’umidità del Mediterraneo occidentale. Ho attraversato una serie di paesi – Tonara, Sorgono, Ortueri – intervallati, fino alla diga del Tirso, dal tipico paesaggio sardo di colline e basse montagne. Procedendo più a ovest, ho quindi attraversato l’arido altopiano di Abbasanta che, con un impercettibile pendio a favore, mi ha spinto il Nuraghe Nuraghe agli stagni della penisola del Sinis e alle scogliere di Capo Mannu, il mio obiettivo.

Se dovessi riassumere il significato di questa esperienza, penso naturalmente a “uomo, natura e civiltà”. A parte la spettacolarità di alcuni luoghi, penso che una traversata della Sardegna evidenzi soprattutto l’intenso rapporto tra la gente e le sue montagne, le sue steppe sui boschi. Nella vicina Corsica ci sono 173 km di itinerario (GR20) tra paesaggi che lasciano la bocca aperta: ma è possibile seguirli tutti incontrando solo stranieri o al massimo alcune guide. Capisci come la natura senza uomini, i suoi uomini, non sia così ricca come sembra. Andando invece dall’Ogliastra alla penisola del Sinis, ci si rende conto di attraversare non un’isola ma una civiltà. E proprio quando pensi di esserti allontanato da tutti, senti il ​​pastore fischiare dall’ombra di un leccio. Quindi devi andare da lui, anche se non è facile, quindi, a colpo d’occhio, distinguilo tra i massi di calcare dove rimane seduto in silenzio. E colpisci immediatamente il ” te ” semplice, lo sguardo deciso che ti esamina per capire cosa stai facendo lì invece di essere in città o nel mare dove “vivi”.

I pastori questa cosa per andare lassù senza essere obbligati, comprendono un certo punto: una stranezza della terraferma, dicono. Allo stesso tempo, tuttavia, si sentono apprezzati, loro, le loro montagne, le bestie e fanno gli onori della casa. Il risultato è una pausa fatta di voci, arrosti, formaggi e vino che non vorresti più finire. D’altra parte, se arrivi nel villaggio, la partecipazione è corale: non passare inosservato con lo zaino e i pantaloncini colorati. E così la gente prese immediatamente possesso del pellegrino per farlo andare in giro per i bar e gli amici. In effetti, in questi villaggi resiste a quell’ospitalità immediata, anche sacra com’era per gli antichi Greci, di cui la civiltà della città industriale, affrettata e finalizzata in ogni momento, ha perso la strada. La traversata descritta ha una lunghezza approssimativa di 180 km. Non è un itinerario rigido perché, diversamente dal GR20 Corsa, è privo di equipaggiamento che lo rende particolarmente consigliabile rispetto ad altri. Le possibilità di variazione sono quindi moltissime: solo fantasia, un po ‘di curiosità e una buona guida della Sardegna nello zaino.

  • Percorrendo un percorso unico che attraversa la Sardegna da est alla costa occidentale.
  • La straordinaria notte a Cala Luna, dove puoi vedere una delle spiagge più belle di tutta l’isola.
  • Diversi vecchi nuraghi nella parte centrale dell’isola.
  • Piatti tradizionali della cultura gastronomica locale. Piccoli villaggi come “Urzulei”, “Tonara”, “Urzulei” e “Bauladu”
  • Le incredibili montagne del Gennargentu. Dove puoi trovare neve in Sardegna
  • Per facilitare il ritorno in autobus una volta completato il percorso, l’itinerario parte da Cala Gonone e termina a Capo Mannu, qualunque sia la direzione di viaggio scelta.
  • La linea di autobus corre lungo il sentiero e rimane sempre tra 15 e 20 km dal percorso, in modo che il Sardegna CtC possa essere percorso anche parzialmente, raggiungendo i villaggi intermedi lungo il percorso.
  • Il momento migliore per affrontare questo percorso è da aprile a giugno e da settembre a novembre la sezione del Gennargentu può essere nevosa durante la primavera.
  • Porta un po ‘di abbigliamento da montagna, poiché possono esserci rapidi cambiamenti del tempo e improvvisi sbalzi di temperatura ad alta quota, non durante i mesi estivi.
  • La Sardegna CtC può attraversare da Cala Gonone (NU) verso Capo Mannu (OR) o dalla direzione opposta.
  • La maggior parte del percorso NON È segnato, il GPS è molto importante.
  • In alcune zone può essere difficile trovare acqua e persino tracce del sentiero
  • Devi parlare con i pastori sardi, sono l’anima della terra sarda.
  • Cala Luna è un ottimo posto dove trascorrere la prima notte. Lasciando pulito e una piccola donazione per la manutenzione (bivacco tramonto / alba).
  • La seconda notte puoi dormire a Urzulei, B&B Casa della Nonna +39 3890765673
  • Non c’è modo per la terza notte ad Arcu Correboi (il passo più alto della Sardegna) è necessario bivacco dal tramonto all’alba.
  • Ci sono due possibilità per la quarta notte, dormire a Desulo o a Tonara, qui puoi trovare molti B&B. La fermata a Desulo significa più chilometri il giorno successivo.
  • I giorni seguenti a seconda di dove hai dormito. Puoi scegliere di rimanere a
    – Sorgono da Raimonda di ” Sa Lumenaria ” +39 3496205182
    – Ortueri ” Agriturismo Su Creccu ” +39 368308 4401
    – Ulà Tirso ” Agriturismo Sa Tanchitta ” o Airbnb
    Da Ulà Tirso è consigliabile pianificare bene la settima e ultima notte a Bauladu oltrepassato l’altopiano di Abbasanta, senza dubbio la zona più impervia in arrivo.
  • Ultima notte vicino alla spiaggia di Capo Mannu guardando il tramonto con una birra sarda.
  • Si consiglia di portare con sé un fornelletto, alcune bustine di cibo liofilizzato e l’attrezzatura corretta
  • Cioccolato, pane, parmigiano reggiano e snack energetici potrebbero essere elementi importanti per uno spuntino quotidiano.
  • Il filtro dell’acqua LIFE STRAW è fortemente raccomandato per bere in qualsiasi situazione dai fiumi
  • Prendi almeno 2/3 litri di acqua a persona perché ci sono poche fonti lungo il percorso. Puoi incontrare alcune fonti nell’area del Gennargentu. Per fare scorta di acqua, ci si deve fermare nei villaggi che si incrociano durante il viaggio, come Urzulei e Desulo.
  • Per quanto riguarda il cibo, consigliamo vivamente di assaggiare il pecorino Fiore Sardo nella Barbagia. Un altro consiglio culinario è assaggiare il Prosciutto Crudo di Desulo e il Torrone di Tonara. Se vuoi concederti una serata rilassante, ti consigliamo la pizzeria di Urzulei.